The Interpreter in tv, l'errore nella scena finale che solo i più attenti notano

·1 minuto per la lettura

Nel 2005 arrivava nelle sale cinematografiche 'The Interpreter', thriller politico diretto dal premio Oscar Syndey Pollack e interpretato da Nicole Kidman e Sean Penn.

LEGGI ANCHE:-- Stasera in tv, The Interpreter su La7: il film è basato su una storia vera?

Silvia (N.Kidman) lavora come interprete nella sede delle Nazioni Unite a New York. Un giorno ascolta per caso una conversazione telefonica in cui si parla dell'omicidio di un capo di stato africano. Da quel momento la sua vita è in pericolo e viene affidata alla custodia dell'agente federale Keller (S. Penn), convinto che anche la donna faccia parte del complotto…

Un film costruito benissimo nel minimo dettaglio, ma che si è lasciato scappare alcuni errori tra cui uno che solo agli occhi dei più attenti non è sfuggito.

All'inizio del film, viene affermato che Silvia (Nicole Kidman) ha la doppia cittadinanza perché nata negli Stati Uniti. Tuttavia ad un certo punto in conseguenza ad alcuni fatti che avvengono (e che non vi sveliamo), Silvia dirà a Keller (Sean Penn) che verrà deportata e che le è stato concesso un giorno per lasciare il paese.

Ma questo non è possibile, poiché lei aveva la doppia cittadinanza.

Crediti foto@kikapress

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli