Intesa Ryanair-Codacons: reclami passeggeri in tempi brevi e certi

Red/Cro/Bla

Roma, 28 ago. (askanews) - Ryanair e Codacons stringono una nuova partnership che permetterà ai passeggeri del Lazio di risolvere in tempi brevi e certi i loro reclami. In sostanza la compagnia N.1 in Italia e in Europa, ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la più importante associazione di consumatori italiana che vedrà Ryanair firmare una Alternative Dispute Resolution (ADR) per i reclami dei clienti italiani previsti dal Regolamento UE-261. Ryanair e Codacons collaboreranno inoltre sui feedback dei consumatori per ottenere il riconoscimento Ok Codacons.

A partire dal 2 settembre, Codacons coordinerà e supervisionerà l'implementazione della piattaforma ADR e gestirà i consulenti che lavorano ai procedimenti di mediazione basati sui reclami EU261 (fino a 5.000 reclami EU261 per il primo anno dell'accordo).

L'Italia è il quinto mercato dopo Francia, Germania, Polonia e Regno Unito, dove le soluzioni ADR sono state implementate con successo. Ciò fornisce ai clienti un meccanismo indipendente per la risoluzione e ulteriore certezza che i loro reclami vengano gestiti secondo i più alti standard professionali.

Ryanair e Codacons collaboreranno inoltre all'analisi del feedback e del sentimento dei consumatori attraverso sondaggi e una valutazione rigorosa delle policy. Ryanair esibirà con orgoglio il riconoscimento OK Codacons in Italia per dimostrare che è la compagnia aerea di cui i consumatori italiani possono fidarsi in termini di valore e affidabilità.

L'Enac in diverse occasioni si è dichiarata favorevole a soluzioni conciliative delle controversie. Il Codacons ha apprezzato gli interventi dell'Enac, l'Organismo responsabile in Italia della corretta applicazione del Regolamento comunitario n. 261/2004 in caso disservizi nel trasporto aereo, sui reclami presentati dai consumatori e le soluzioni offerte in situazioni delicate e complesse.

L'Associazione, dunque, considera positivamente l'apprezzamento e l'alta supervisione da parte dell'Autorità nei confronti dell'iniziativa - che si affianca al ruolo istituzionale svolto da quest'ultima, competente per la gestione dei reclami in seconda istanza.