Intesa Sp: la Banca dei Territori si riorganizza, già erogati 20 mld in 5 mesi

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Milano, 8 giu. (Adnkronos) – La Banca dei Territori di Intesa SanPaolo si riorganizza e amplia la propria struttura a valle della fusione con Ubi banca. Con le sue dodici direzioni regionali, la direzione agribusiness e la direzione impact, rappresenta "il riferimento dei territori per una crescita sostenibile", spiega il gruppo bancario. La nuova Banca dei Territori oggi conta su un organico di circa 50mila dipendenti, dei quali oltre la metà donne, una rete di 3.700 filiali e 13,5 milioni di clienti, una raccolta complessiva di oltre 550 miliardi di euro e impieghi per circa 250 miliardi di euro.

Da inizio anno, nei primi cinque mesi, ha già erogato circa 20 miliardi di euro (+12% rispetto ai primi 5 mesi del 2020), di cui 11 miliardi a pmi e micro-imprese.

"Con il completamento dell’integrazione di Ubi, la migrazione della sua clientela e l’ingresso dei nuovi colleghi siamo ancora più vicini a famiglie e imprese per compiere insieme il percorso fondamentale di ripresa post Covid e per partecipare alla realizzazione del Pnrr", sottolinea il responsabile della banca dei Territori, Stefano Barrese. "Grazie alla competitività e al dinamismo di 1,2 milioni di eccellenze imprenditoriali che vediamo crescere e che affianchiamo nei loro progetti, la nostra economia sarà di nuovo in grado di realizzare un forte recupero dei valori di Pil ed export per riportare il nostro Paese ai vertici delle economie internazionali".