Intesa sui licenziamenti: ecco cosa succede a luglio

·2 minuto per la lettura

Al termine di un incontro durato quasi sei ore a Palazzo Chigi, Cgil, Cisl e Uil, Confindustria, il premier Mario Draghi ed il ministro del Lavoro Andrea Orlando hanno raggiunto e firmato un'intesa sul termine del blocco dei licenziamenti. Quattro i punti cardine dell'accordo:

- Le parti hanno innanzitutto previsto un impegno a far ricorso a tutti gli ammortizzatori sociali esistenti prima di ricorrere ai licenziamenti (quindi le 13 settimane di cig ordinaria disponibili).

- Previsto inoltre un tavolo permanente di confronto per monitorare l'andamento occupazionale durante questa prima fase di ripresa dalla pandemia di coronavirus per focalizzarsi poi su riforme riguardanti gli ammortizzatori sociali, le politiche attive, fino alla riforma fiscale e alle politiche industriali.

- Il blocco dei licenziamenti viene prorogato per i settori tessile, della moda e calzaturiero. Anche per questi settori, comunque, verranno utilizzate le 13 settimane di cig.

VIDEO - Blocco dei licenziamenti, ecco quando scade

- Per quanto riguarda tutti gli altri settori, il blocco termina il 30 giugno per le aziende che utilizzano la CIGO (la Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria) e il 31 ottobre per le altre aziende che utilizzano altre forme di ammortizzatori sociali (FIS e Cassa in deroga, che riguardano artigianato, terziario, somministrazione). Per questi settori vengono comunque escluse le ipotesi di licenziamenti conseguenti, cioè quelle dovute a un fallimento, alla messa in liquidazione o alla cessazione definitiva di una determinata attività.

Le parti coinvolte, si legge nella nota condivisa al termine della riunione, "auspicano e si impegnano, sulla base di principi condivisi, ad una pronta e rapida conclusione della riforma degli ammortizzatori sociali, all'avvio delle politiche attive e dei processi di formazione permanente e continua". I leader di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri hanno definito l'accordo un "segnale importante".

VIDEO - Per Draghi la mediazione sul blocco licenziamenti è passo avanti

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli