Intimidazione a tonnare per avere pescato, arresti in Calabria

Cro/Ska

Roma, 30 gen. (askanews) - Nella mattinata odierna, nell'ambito di un'indagine coordinata dal Procuratore della Repubblica di Paola, dott. Pierpaolo Bruni e dai Sostituti Procuratori dott.ssa Rossana Esposito e dott.ssa Teresa Valeria Grieco, militari della Guardia di Finanza hanno dato esecuzione ad un'Ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal Gip del Tribunale di Paola, dott.ssa Rosamaria Mesiti, nei confronti di nr. 4 persone, indagate per i reati di estorsione aggravata, per aver commesso il fatto in piu persone e/o con un'arma (pistola) e da soggetto sottoposto a misure di prevenzione con provvedimento definitivo.

Le indagini, svolte dalla Guardia di Finanza e dalla Guardia Costiera, hanno consentito di raccogliere un grave quadro indiziario nei confronti degli indagati, in relazione alle attivita di disturbo perpetrate nei confronti di alcune tonnare nelle giornate del 27, 28 e 29 maggio 2018, durante le autorizzate attivita di pesca al "tonno rosso", effettuate nelle acque a ridosso delle coste dell'alto tirreno cosentino. L'attivita di disturbo e intimidazione, posta in essere a bordo di piccole imbarcazioni da diporto, era finalizzata ad ottenere illecitamente - mediante minacce, anche con arma da fuoco (pistola) - una parte del pescato.