Invasione di scorpioni in Egitto, centinaia di persone morse e 3 decedute

·1 minuto per la lettura
REUTERS/Mohamed Abd El Ghany
REUTERS/Mohamed Abd El Ghany

Migliaia di scorpioni hanno invaso strade e abitazioni della regione egiziana di Assuan. Sembra una delle piaghe d'Egitto, appunto, e invece è la conseguenza delle forti piogge che hanno interessato l'area in questione. Secondo quanto riporta il sito Sada Elbalad, che cita in merito il Ministero della Salute egiziano, oltre 500 persone sono state morse e 3 potrebbero essere morte a causa di un avvelenamento successivo alla puntura di questi pericolosi aracnidi.

"503 cittadini hanno ricevuto un antidoto ad Assuan, dopo essere stati morsi da scorpioni che hanno lasciato le loro tane a causa delle piogge torrenziali", ha dichiarato Khaled Abdel Ghaffar, ministro egiziano dell'istruzione superiore e della ricerca scientifica che riveste anche il ministro della Salute ad interim. In precedenza, il sottosegretario del Ministero della Salute ad Assuan, Ehab Hanafy, aveva fatto sapere che "3 persone sono state uccise e altre 450 sono rimaste ferite da punture di scorpione".

VIDEO - Scorpioni a rischio estinzione, colpa di bracconaggio e fake news

Le scuole della regione sono state chiuse per garantire la sicurezza dei ragazzi, ma le autorità hanno assicurato di avere sufficienti dosi di antidoto in caso di ulteriori punture.

Come ricorda Sky Tg24, "le punture di scorpione di solito non sono fatali e in genere causano solo dolore, intorpidimento, formicolio e gonfiore. Tuttavia, in casi gravi si riscontrano difficoltà di respirazione, contrazioni muscolari, anormali movimenti di collo e occhi, salivazione, sudorazione, nausea, vomito, ipertensione, tachicardia, irrequietezza o eccitabilità".

VIDEO - Bere sangue di cobra e mangiare scorpioni, le prove per i marines

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli