Invasione di vespe al Campidoglio, evacuato il palazzo di via Petroselli

invasione vespe campidoglio
invasione vespe campidoglio

Invasione di vespe al Campidoglio: le autorità competenti hanno provveduto a evacuare il palazzo di via Petroselli dopo aver ricevuto segnalazioni sul alcuni nidi.

Invasione di vespe al Campidoglio, evacuato il palazzo di via Petroselli

Il palazzo di via Petroselli, nei pressi del Campidoglio, è stato evacuato. L’edificio, che ospita la sede dei gruppi consiliari capitolini e il dipartimento lavori pubblici, è stato svuotato a causa di un’invasione di vespe orientalis. “Hanno fatto dei nidi tra il secondo e il terzo piano”, ha detto il consigliere di Fratelli d’Italia, Federico Rocca, evacuato insieme ad altri consiglieri e membri del personale amministrativo.

Gli uomini della protezione civile e del dipartimento Ambientale del Comune stanno lottando contro la diffusione delle vespe dall’inizio dell’estate. Un’invasione simile non veniva registrata a Roma dagli anni ’50 del secolo scorso. L’imenottero viene attirato dai rifiuti e, in particolare, dai resti della carne e si concentra soprattutto nelle zone centrali della Capitale.

In questo contesto, aumentano sempre di più le segnalazioni arrivate al numero verde della protezione civile di Roma Capitale (800 854 854).

L’impegno di Ama e il commento dell’assessora Alfonsi

In merito alla questione, è intervenuta anche Ama che ha asserito di essere pronta a fare la sua parte e si attiverà “nei casi in cui sia necessario l’utilizzo di insetticidi e disinfestanti”. Lo ha detto Sabrina Alfonsi, assessora comunale all’Agricoltura, ambiente e Cicli dei rifiuti. Alfonsi ha anche aggiunto che “come assessorato Ambiente ci siamo allertati subito, insieme alla protezione civile, per monitorare e intervenire immediatamente su ogni caso che ci è stato segnalato”.