Investì poliziotto e fuggì per mezza Milano: chisura indagini per 5

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 18 feb. (askanews) - I poliziotti dell'Ufficio prevenzione generale della questura di Milano hanno notificato la chiusura delle indagini preliminari ai cinque indagati per il tentato omicidio di un poliziotto commesso l'8 gennaio 2020 nel capoluogo lombardo. Quel giorno, per sottrarsi al controllo di una Volante, un 25enne pregiudicato marocchino alla guida di una Renault Megane era fuggito a folle velocità dando vita ad un pericoloso inseguimento iniziato in via Lorenteggio e proseguito sulla Nuova Vigevanese. Durante la fuga, l'uomo aveva provocato il panico lungo le vie cittadine, causando diversi incidenti e investendo volutamente uno dei poliziotti che aveva tentato di fermarlo, riuscendo poi a far perdere le proprie tracce abbandonando l'auto lungo la Tangenziale Ovest.

Secondo quanto spiegato dalla polizia, i cinque, identificati dopo una lunga e complessa indagine, sono accusati a vario titolo, di tentato omicidio, lesioni aggravate, danneggiamento aggravato, resistenza a pubblico ufficiale, favoreggiamento personale, sostituzione di persona in concorso. Oltre al 25enne nordafricano, attualmente detenuto a Monza dopo essere stato arrestato per spaccio nell'agosto scorso, risultano indagati anche due commercianti d'auto, un 20enne milanese e un 22enne di Cuneo accusati di sostituzione di persona in concorso per acquistato e poi ceduto la Megan con intestazione fittizia. Per sostituzione di persona in concorso, "avendo provveduto ad assicurare l'auto con intestazione fittizia", è indagato invece un 64enne assicuratore milanese, mentre un altro commerciante d'auto, un 45enne di origine marocchina, è accusato di favoreggiamento personale, "per aver ceduto la Renault al 25enne, e per aver compiuto atti finalizzati ad eludere le investigazioni sul suo conto".