Investita e uccisa a Rosignano, appello social del figlio

webinfo@adnkronos.com

"Mia madre si chiamava Roberta Barrile, era una donna incredibile, madre di 5 ragazzi. Vi scongiuro aiutateci a trovare la persona che non ha nemmeno avuto il coraggio di scendere di macchina e vedere in faccia la persona a cui ha tolto la vita". E' l'appello lanciato sui social network da Gioele, uno dei cinque figli della donna di 50 anni che poco dopo le 17 di ieri, in via della Cava a Rosignano Solvay (Livorno), è stata investita e uccisa da un'auto il cui conducente, dopo l'urto, come hanno riferito dei testimoni, ha proseguito la sua corsa senza fermarsi a prestare soccorso.  

Sul posto sono arrivati in pochi minuti i sanitari del 118, ma per la donna non c'era più niente da fare e il medico ha solo potuto constatarne il decesso.  

I rilievi dell'incidente sono stati eseguiti dalla polizia municipale di Rosignano, ma alle ricerche dell’auto pirata partecipano tutte le forze dell’ordine. Dalle segnalazioni del testimoni sarebbe emerso che l'auto che ha investito Roberta Barrile è una Fiat Panda bianca, vecchio modello, con paraurti neri. Le forze dell'ordine stanno visionando i filmati ripresi dalle telecamere di sorveglianza della zona per cercare di risalire alla targa dell'auto e al suo proprietario.