Invitalia, in 2021 oltre 1 mld di investimenti per contratti sviluppo

·4 minuto per la lettura

Oltre un miliardo di euro di investimenti, con più di 300 milioni di agevolazioni che hanno finanziato grandi progetti di sviluppo in tutta Italia. Sono questi i risultati ottenuti nel 2021 dal contratto di sviluppo, l’incentivo gestito da Invitalia e rivolto gli investimenti di elevate dimensioni come si legge in una nota dell'Agenzia del Mise. Da Nord a Sud, sono stati 24 i grandi progetti che nel corso dell’anno hanno ottenuto i finanziamenti: si tratta di interventi di ampliamento e di evoluzione tecnologica, spesso in linea con i criteri di Industria 4.0, e di attività di ricerca e sviluppo. Invitalia ha concesso 316 milioni di euro, messi a disposizione dal ministero dello Sviluppo economico e in alcuni casi dalle Regioni coinvolte, attivando investimenti complessivi per 1,14 miliardi di euro. Il settore più rappresentato è l’agroalimentare, che nell’ultimo anno ha attivato investimenti per 377 milioni (il 33% del totale). A seguire i piani di tutela ambientale, con 265 milioni, il comparto farmaceutico, con 247 milioni, il settore trasporti-logistica, con 106 milioni, e il turismo con 99 milioni. Un’operazione di particolare rilievo è stata quella di Acciaierie Arvedi che, con un contratto di sviluppo da 227 milioni di euro, ha riconvertito l’assetto produttivo in un’ottica di tutela ambientale e di efficienza energetica nei siti di Trieste e Cremona, con un considerevole impatto in termini di salvaguardia dei posti di lavoro.Con i dati del 2021 salgono a 200 i progetti complessivamente finanziati con il contratto di sviluppo, che in nove anni ha concesso 3,1 miliardi di agevolazioni, attivando investimenti per 7,2 miliardi di euro.

Con il contratto di Sviluppo, strumento dedicato al sostegno di programmi di investimento produttivi strategici ed innovativi di grandi dimensioni, Invitalia ha sostenuto negli anni interventi di grandi dimensioni nel settore industriale, turistico e di tutela ambientale. Un bilancio in attivo, quello registrato ad oggi che, in 9 anni, ha complessivamente finanziato 200 progetti e concesso 3,1 miliardi di agevolazioni, attivando investimenti per 7,2 miliardi di euro. L’investimento minimo richiesto dallo strumento di agevolazione è di 20 milioni di euro, che si riduce a 7,5 milioni di euro solo per attività di prima trasformazione di prodotti agricoli, per progetti localizzati nelle aree interne del Paese o che prevedano il recupero di strutture dismesse. Tra le storie di rinascita, oltre alle Acciaierie Arvedi che, con un contratto di sviluppo da 227 milioni di euro, ha riconvertito la produzione dei siti di Trieste e Cremona, anche quelle della Bps Pharmaceutical per gli antitumorali del futuro, della Dolomites Milk, un mix di tecnologia e sostenibilità, la StmMicroelectronics per la produzione di microchip del futuro fino al Forno di Balvano, dove nascono i Nutella Biscuits della Ferrero.

La Bps Pharmaceutical, a Latina, grande impresa del settore farmaceutico, grazie a un investimento di 141 milioni di euro, 20 dei quali finanziati nell’ambito del Contratto di Sviluppo siglato con Invitalia, amplia la sede produttiva e costruisce una nuova unità operativa, destinata alla produzione di farmaci anti-tumorali di prima linea e biofarmaci oncologici ad azione immunoterapica di seconda e terza linea. Il risultato finale è una produzione di nicchia ma destinata alle Big Pharma mondiali in oltre 70 paesi del mondo e un incremento dei posti di lavoro di circa 400 unità. Stessa storia a 'lieto fine' per Dolomites Milk, a Bolzano, un polo per una produzione lattiero-casearia di nicchia, a filiera totalmente controllata e sostenibile, e tecnologicamente innovativo. Il progetto, che ha portato all’assunzione di oltre 20 persone, è stato realizzato con un investimento di circa 25 milioni di euro, di cui 8 finanziati da Invitalia attraverso il contratto di sviluppo. E c'è spazio anche per il Sud dove a Catania StmMicroelectronics ha investito 250 mln per produrre in una nuova struttura all’avanguardia i microchip elettronici del futuro. Oltre 600 i posti di lavoro salvaguardati. Da invitalia sono arrivati quasi 38 milioni di euro.

Anche nel successo travolgente dei Nutella Biscuits c'è un po' di Stato: un accordo e un contratto di sviluppo firmati con Invitalia, che ha contribuito a finanziare gli impianti di produzione di Balvano, in provincia di Potenza, promuovendo, a completamento degli investimenti, una crescita occupazionale di oltre 170 addetti.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli