Ipotesi di bancarotta di società Meridi, perquisizioni in Sicilia

Cro/Ska

Roma, 13 feb. (askanews) - Su delega di questa Procura Distrettuale, i finanzieri del Comando Provinciale di Catania stanno eseguendo un decreto di perquisizione e sequestro emesso dal G.I.P. etneo su richiesta di quest'Ufficio per l'ipotesi delittuosa di bancarotta della società Meridi s.r.l.

Come noto, la Meridi è società del Gruppo Finaria, la cui capogruppo Finaria s.p.a. - ha quale azionista di maggioranza A.P. (cl.1962). La società Meridi, titolare di una catena di supermercati a marchio Fortè in tutta la Sicilia, rappresentava la principale attività d'impresa in grado di garantire al gruppo flussi costanti di liquidità.

L'allarmante esposizione debitoria di Meridi, dichiarato dallo stesso management della società pari a oltre 90 milioni di euro di debiti erariali e previdenziali, ha determinato la dichiarazione del Tribunale Fallimentare di Catania dello stato di insolvenza e la conseguente nomina di commissari giudiziali. I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico- Finanziaria di Catania, in forza del citato decreto, sono chiamati ad acquisire ogni documento che favorisca la ricostruzione dei rapporti commerciali intercorsi tra la società insolvente e le altre imprese del Gruppo Finaria.