Iran attacca: "Usa corresponsabili abbattimento aereo ucraino"

webinfo@adnkronos.com

Gli Stati Uniti sono corresponsabili nell'abbattimento del Boeing 737 ucraino che ha causato le morte di 176 persone. Lo ha detto il ministro degli Esteri di Teheran Mohammad Javad Zarif intervenendo alla conferenza sulla sicurezza in corso a Nuova Delhi. "L'ignoranza e l'arroganza'' degli Stati Uniti stanno ''aumentando il caos nella regione", ha detto Zarif. Il capo della diplomazia iraniano ha definito l'abbattimento del velivolo come ''un errore imperdonabile'', affermando che è assolutamente necessario evitare che qualcosa di simile possa ripetersi. Zarif ha quindi accusato l'Amministrazione Trump di guardare solo ai suoi interessi in Medioriente. 

''Non siamo interessati a negoziare con gli Stati Uniti'', ha detto ancora Zarif, aggiungendo: ''Negli ultimi due anni la nostra economia ha sofferto'' a causa delle sanzioni imposte da Washington, ha proseguito, parlando di ''centinaia di miliardi di dollari'' andati persi. ''Non abbiamo chiesto il ritiro delle forze americane dall'Iraq'', ha proseguito il capo della diplomazia di Teheran.  

"La notte dell'attacco missilistico in Iraq abbiamo mandato un messaggio agli Stati Uniti attraverso la Svizzera'' spiegando che si trattava di un atto di ''autodifesa'', ha dichiarato ancora Zarif. ''Nelle ultime sere abbiamo visto che la gente è scesa per le strada di Teheran per manifestare contro il fatto che per un paio di giorni è stato mentito loro'' a proposito dell'abbattimento dell'aereo ucraino, ha aggiunto Zarif. Il ministro ha quindi lodato le Forze armate iraniane per essere state ''abbastanza coraggiose dall'assumersi presto le proprie responsabilità''. 

"Avevamo un accordo con gli Stati Uniti e gli Stati Uniti lo hanno violato. Se avremo un accordo con Trump, quanto tempo durerà? Altri dieci mesi?", si è chiesto Zarif. Il capo della diplomazia iraniana ha quindi accusato i Paesi europei che hanno firmato l'accordo del 14 luglio del 2015 di non aver rispettato gli impegni presi. Ieri il premier britannico Boris Johnson aveva suggerito al presidente americano Donald Trump di sostituire all'accordo sul programma nucleare iraniano raggiungo dal gruppo dei 5+1 da un nuovo patto, ''l'accordo di Trump'', per garantire che la Repubblica islamica non si doti di armi atomiche. 

Intanto, nel corso di un discorso trasmesso dalla televisione di Stato, il presidente iraniano Hassan Rohani ha puntato il dito contro gli Usa accusandoli di aver reso la regione del Medioriente ''insicura''. Rohani ha affermato che Washington dovrebbe chiedere scusa a Teheran per i ''precedenti crimini'' commessi nella regione. "Oggi - ha dichiarato ancora - le forze americane presenti nella regione non sono al sicuro". Il presidente iraniano Hassan Rohani ha quindi sottolineato come ''le forze del Paesi dell'Unione europea in Medioriente potrebbero in futuro non essere al sicuro''. Rohani ha poi aggiunto che ''tutte le forze straniere devono lasciare il Medioriente''.