Iran, condannata a tre anni di carcere la nipote di Khamenei

Iran, condannata a tre anni di carcere la nipote di Khamenei (REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY)
Iran, condannata a tre anni di carcere la nipote di Khamenei (REUTERS ATTENTION EDITORS - THIS IMAGE HAS BEEN SUPPLIED BY A THIRD PARTY)

Farideh Muradkhani, attivista iraniana e nipote della Guida suprema dell'Iran, Ali Khamenei, è stata condannata a 15 anni di carcere dal Tribunale speciale del clero, pena poi ridotta a tre anni. Lo riferiscono i media iraniani, citando l'avvocato Mohammad Hossein Agassi.

LEGGI ANCHE: Proteste Iran, l'attivista Karimi: "Comunità internazionale non spenga riflettori"

La donna era stata arrestata il 23 novembre scorso. Prima di finire in carcere, aveva chiesto ai Paesi "amanti della libertà" di espellere gli ambasciatori dell'Iran, a sostegno delle proteste del popolo iraniano. Farideh è figlia di Badri Hosseini Khamenei, sorella di Ali, che nei giorni scorsi ha condannato la repressione delle proteste.

LEGGI ANCHE: Il manifestante iraniano impiccato è stato sepolto tra ingenti misure di polizia

A pochi giorni dall'esecuzione del manifestante Mohsen Shekari, impiccato perché colpevole del reato di "guerra contro Dio", ecco la condanna di reclusione inflitta a Farideh Muradkhani. L'Iran resta quindi al centro della discussione internazionale sulla limitazione dei diritti umani.

GUARDA ANCHE: Iran, paura per prima esecuzione per proteste, a rischio altri 11