Iran, esecuzione pubblica di uomo accusato di aver ucciso un imam -2-

Fth

Roma, 28 ago. (askanews) - Il religioso, nominato dal potere iraniano, come tutti gli imam delle preghiere del venerdì, è stato pugnalato a morte dopo aver partecipato a una cerimonia durante il Ramadan, econdo Irna. Al suo processo, Hamid Reza Derakhshandeh aveva "confessato il crimine premeditato dinanzi alle autorità giudiziarie", ha dichiarato Kazem Moussavi, citato sempre dall'agenzia ufficiale.

In Iran, la famiglia della vittima può risparmiare la vita dell'assassino se questi paga il "prezzo del sangue". Ma la condanna a morte di Hamid Reza Derakhshandeh è stata mantenuta dopo che ha rifiutato di esprimere rammarico per il suo atto, secondo l'agenzia Fars. "A causa della sensibilità di questo caso e dei sentimenti pubblici causati, sono stati fatti degli sforzi per portare avanti rapidamente le indagini", ha detto Kazem Mousavi.(Segue)