Iran, Gasparri: governo coinvolga Parlamento su linee di azione

Pol/Arc

Roma, 8 gen. (askanews) - "Comprensibili ripiegamenti di militari italiani dislocati in Iraq, ipotesi addirittura di un blocco navale per impedire il traffico di armi verso la Libia, utilizzando l'operazione Eunavfor Med, altre vicende rilevanti impongono un immediato chiarimento in sede parlamentare. Abbiamo un governo irrilevante sul piano internazionale. Un Ministro degli Esteri da barzelletta, che non sa dove sta il Venezuela e nemmeno Matera, messo di fronte a problemi di cui non è nemmeno in grado di valutare la portata. Occorre quindi che altri ministri, a cominciare da quello della Difesa che appare ben più consapevole, vengano in Parlamento a spiegare quali siano le linee di azione del governo italiano". Lo ha dichiararo il senatore Maurizio Gasparri (Fi).

"Dobbiamo continuare a partecipare alle missioni internazionali, ma dobbiamo anche pensare alla sicurezza dei nostri militari che non possono essere esposti come un bersaglio di fronte alle possibili ritorsioni iraniane. Chiarezza e responsabilità. Siamo di fronte a uno dei momenti più tragici della storia recente. Il governo ha il dovere di coinvolgere tutte le forze politiche e di rispettare il ruolo del Parlamento. Riunioni immediate, sia a livello di commissioni che di aula, vanno programmate. Basta con il disprezzo del Parlamento e delle stesse regole democratiche. Che Di Maio sia un incapace lo comprendiamo benissimo, ma il resto del governo non può usare questo alibi per sottrarsi a un confronto parlamentare e democratico, nell'interesse del nostro Paese e delle nostre Forze Armate, impegnate in prima linea in contesti che diventano, di ora in ora, sempre più rischiosi", ha concluso.