Iran, generale Usa: quando nel 2007 decisi di non colpire Soleimani

Sim

Roma, 3 gen. (askanews) - "La decisione di non agire è spesso la più difficile da prendere e non sempre è giusta. Nel 2007 vidi passare una serie di veicoli dall'Iran nel Nord dell'Iraq ... quella notte di gennaio, la scelta fu particolarmente complicata: attaccare o meno un convoglio che comprendeva Qasem Soleimani, il capo delle forze d'elite iraniane al Quds, un'organizzazione pressappoco analoga a una combinazione della Cia e del Comando congiunto per le operazioni speciali": inizia così il profilo del generale iraniano Qasem Soleimani, ucciso oggi in un raid americano in Iraq, tracciato da un generale americano, Stanley A. McChrystal, per lo speciale "Global Thinkers" del Foreign Policy.

McChrystal è stato a capo del Comando congiunto per le operazioni speciali dal 2003 al 2008 e comandante delle forze Usa e Nato in Afghanistan nel 2009 e nel 2010. (Segue)