Iran: governi Ue non pongano nuove condizioni a intesa nucleare

Coa

Teheran, 17 ott. (askanews) - Un alto consigliere del leader supremo iraniano Ali Khamenei ha avvertito oggi i governi europei di non imporre nuove condizioni all'accordo sul programma nucleare della Repubblica islamica, firmato nel 2015 con il Gruppo 5+1 (Stati uniti, Russia, Cina, Regno unito, Francia e Germania) e non certificato venerdì dal presidente Usa Donald Trump.

"Dire che accettano il Jcpoa (l'accordo sul nucleare, ndr), ma che dovrebbero negoziare sulla presenza regionale dell'Iran o parlare delle difese missilistiche dell'Iran equivale a stabilire condizioni sul Jcpoa e questo non è affatto accettabile", ha dichiarato Ali Akbar Velayati, consigliere per la politica estera della Guida suprema. "Questo non è nel diritto degli europei. Il Jcpoa non ha condizioni e deve essere attuato in base a quanto è stato firmato", ha insistito Velayati.

In una conversazione telefonica con il suo omologo iraniano Hassan Rohani, il presidente francese Emmanuel Macron ha ricordato che i negoziati sulla sicurezza regionale e sul programma missilistico iraniano si sono rivelati necessari per garantire la sopravvivenza dell'accordo sul nucleare del 2015. Senza riferirsi direttamente a Macron, Velayati ha spiegato che i leader europei "dovrebbero prestare maggiore attenzione alle loro osservazioni e richieste".

(fonte afp)

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità