Iran-Libia, Gelmini: latitanza Ue-Italia non più tollerabile

Pol/Gal

Roma, 9 gen. (askanews) - "Le tensioni in Medio Oriente tra Iran e Stati Uniti così come la delicatissima situazione in Libia impongono una presa di posizione da parte dell'Unione europea. Non è più il momento dei tatticismi, occorre rivendicare l'alleanza atlantica e riaffermare un protagonismo dell'Europa in politica estera. Da Bruxelles e da Strasburgo battano un colpo. Allo stesso tempo, preoccupa l'involuzione dell'Italia nello scacchiere internazionale. Il nostro Paese sta perdendo di giorno in giorno autorevolezza presso i nostri partner stranieri, il governo non riesce ad avere un'unica e forte voce, il premier Conte - ancor più dopo la figuraccia di ieri che ha coinvolto Khalifa Haftar e Fayez Al-Serraj - agisce senza coinvolgere i suoi ministri (leggasi Di Maio) e senza una vera strategia. La latitanza di Unione europea e Italia non è più tollerabile, serve un'immediata inversione di marcia". Lo afferma in una nota Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.