Iran, Ompi: 200 parlamentari Ue sotengono le proteste -2-

Ihr

Roma, 23 dic. (askanews) - Il regime ha tentato di coprire la portata dei propri crimini tagliando completamente Internet. Ma gradualmente tale portata sta diventando più chiara. Secondo gli ultimi rapporti dell'Organizzazione dei Mojahedin del Popolo dell'Iran (OMPI), nota anche come Mujahedin-e-Khalq (MEK), la principale opposizione iraniana, oltre 1.500 manifestanti sono stati uccisi, altri 4.000 feriti e oltre 12.000 sono stati arrestati. Il MEK ha comunicato i dettagli di oltre 500 vittime.

È molto preoccupante il fatto che alti esponenti governativi abbiano chiesto l'esecuzione di coloro che sono stati arrestati. Il presidente Hassan Rouhani ha sostenuto la repressione della manifestazione e il suo consigliere ha minacciato di morte i membri del MEK, che i leader del regime hanno descritto come la principale causa della rivolta - come nel massacro del 1988, durante il quale il regime iraniano uccise circa 30.000 prigionieri politici.(Segue)