Iran: Palermo conferisce la cittadinanza onoraria a Nasrin Sotoudeh

webinfo@adnkronos.com

Nell’ambito della campagna per la giustizia “Woman’s Freedom Iran” martedì 26 novembre, alle ore 12,30 a Palazzo delle Aquile, sarà conferita la cittadinanza onoraria di Palermo a Nasrin Sotoudeh, avvocata e attivista iraniana per i diritti umani. Sotoudeh è attiva nella difesa legale di attivisti, oppositori e di donne iraniane arrestate per essersi tolte il velo in pubblico. Ha difeso giornalisti e attivisti tra cui il premio Nobel per la pace Shirin Ebadi e diversi dissidenti arrestati durante le proteste di massa nel 2009 contro la contestata rielezione del presidente Mahmoud Ahmadinejad. 

Arrestata più volte, nel marzo 2019 è stata condannata a 33 anni di carcere e 148 frustate. La sentenza si aggiunge alla condanna a cinque anni emessa nel settembre 2018, per un totale di 38 anni di prigionia. La militante si trova nel durissimo carcere di Evin. A darne notizia della sua condanna su Facebook è stato il marito Reza Khandan, che era stato a sua volta condannato nei mesi scorsi a sei anni di carcere. La notizia della condanna di Sotoudeh arriva dopo la nomina dell’ultraconservatore Ebrahim Raisi come nuovo capo del sistema giudiziario iraniano. "La somma delle condanne é di 33 anni e 148 frustate cosí accumulati: 7 anni e sei mesi per l’intenzione di commettere un crimine contro la sicurezza nazionale Art. 610 del Codice Penale Islamico - 1 anno e sei mesi per propaganda contro il sistema di leggi Art. 500 - 7 anni e sei mesi per aver preso parte ad un gruppo illegale Art. 499 - 12 anni per deviazione morale e istigazione alla prostituzione Art. 639 - 2 anni per la violazione dell’ordine pubblico Art. 618 - 3 anni e 74 frustate per aver pubblicato falsitá e aver disturbato il sistema pubblico Art. 698 - 74 frustate per essere apparsa senza velo in presenza del Pubblico Ministero Art. 748; inoltre ci sono altri 5 anni per un precedente verdetto", si legge in una nota.  

La cittadinanza sarà conferita dal Sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, e ritirata da Giorgia Butera (Presidente Mete Onlus ed Advocacy di “Woman’s Freedom Iran”) e dall’Avvocato Francesco Leone (Legal Advisor della Campagna), trovandosi Sotoudeh rinchiusa in carcere. "Da presidente di A.Gius.S. e avvocato non posso che esprimere estrema solidarietà alla collega Nasrin oltre che profonda indignazione per una condanna che offende nel profondo il senso vero della giustizia", dice l'avvocato Leone. "Purtroppo solidarietà ed indignazione non bastano. Serve una mobilitazione globale affinché situazioni di questo genere non continuino a privare di dignità le donne e la nostra professione, una professione che ha senso solo nella tutela dei diritti fondamentali delle persone. La campagna, che sosteniamo in ogni aspetto, ha proprio questo obiettivo: riportare le coscienze all’azione, subito”, dice. 

Pino Apprendi, Presidente di Antigone Sicilia, ricorda una frase di Voltaire: “Il grado di civiltà di un popolo si giudica osservando le carceri”. “Purtroppo – prosegue Apprendi - il carcere anche in Italia non dà una buona immagine di sé, figurarsi in Paesi come I'Iran dove la donna non gode dei diritti e delle libertà basilari. Temo molto per tutte quelle donne di cui non si hanno notizie. La nostra preoccupazione cresce ogni giorno, non c'è trasparenza sulle condizioni di tutte quelle donne che hanno provato ad alzare la testa”. 

“Woman’s Freedom Iran” è sostenuta da Antigone Sicilia, Protea Human Rights, Oidur, Agius e Studio Leone-Fell. La campagna è ideata e promossa da Mete Onlus, Advocacy Giorgia Butera Legal Advisor: Avvocato Francesco Leone Consulente: Tiziana Ciavardini, giornalista/scrittrice/antropologa culturale.