Iran, tv Stato ammette: uccisi "rivoltosi" a manifestazioni

Ihr

Roma, 3 dic. (askanews) - La televisione di Stato iraniana ha oggi ammesso per la prima volta che le forze di sicurezza hanno sparato e ucciso quelli che descrive come "rivoltosi" in più città nelle recenti proteste per il carobenzina. Lo scrive il sito di Haaretz.

Il riconoscimento è arrivato in un programma televisivo che ha criticato i canali internazionali in lingua persiana per le loro notizie sulla crisi, iniziata il 15 novembre.

Amnesty International ha detto ieri che almeno 208 persone sono state uccise nelle proteste e nel giro di vite che ne è seguito.

La missione dell'Iran presso l'Onu ha contestato Amnesty questa mattina, anche se non ha offerto prove a sostegno della sua tesi.