Iran, uccisa un'altra studentessa: infiamma la protesta

Iran, uccisa un'altra studentessa: infiamma la protesta (Photo by Sobhan Farajvan/Pacific Press/LightRocket via Getty Images)
Iran, uccisa un'altra studentessa: infiamma la protesta (Photo by Sobhan Farajvan/Pacific Press/LightRocket via Getty Images)

Ancora una donna uccisa in Iran durante le proteste del venerdì. Questa volta a perdere la vita è stata una dottoranda di 35 anni, Nasrin Ghadri, che studiava filosofia a Teheran. E' stata picchiata con un manganello dalle forze di sicurezza ed è morta dopo un giorno in ospedale.

La morte della donna, che era originaria di Marivan, ha causato l'indignazione della folla. Numerose persone sono scese in piazza nella città del Kurdistan dalla quale proveniva Nasrin Ghadri, urlando "Morte a Khamenei". I manifestanti hanno bloccato alcune strade.

LEGGI ANCHE: Iran: ancora proteste a Karaj, manifestanti bloccano autostrada

In base alle testimonianze raccolte in alcuni video diffusi sui social network, la polizia ha usato il pugno duro sparando sui dimostranti e ferendo alcune persone.

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Ancora sangue nelle manifestazioni in Iran

Da quanto si è appreso, dopo essere stata picchiata con i manganelli, Nasrin Ghadri è entrata in coma e poi è morta. La stessa sorte era toccata nel settembre scorso a Mahsa Amini, la ventiduenne curda morta per le percosse alla testa da parte della polizia morale durante l'arresto per non aver indossato correttamente il velo islamico. La sua morte ha innescato l'ondata di proteste senza precedenti, come quella di venerdì, alla quale partecipava Nasrin Ghadri.

LEGGI ANCHE: In Iran scontri al sit-in in ricordo di una manifestante uccisa, muore un agente

I manifestanti accusano il Governo di avere forzato la sepoltura della donna in fretta e furia e di avere costretto il padre di Nasrin Ghadri ad annunciare che la causa della morte della figlia era legata a una "malattia" o a una "intossicazione". Una versione simile a quella adottata dalle autorità per il caso di Mahsa Amini. Peccato che nessuna ci creda.

LEGGI ANCHE: Proteste in Iran. La replica di Teheran: "Sempre incoraggiati diritti umani e libertà d'espressione"

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Iran, si allarga la protesta delle donne e la polizia continua a uccidere

GUARDA ANCHE IL VIDEO: Iran, mobilitazione 40 giorni dopo la morte di Masha Amiri