Iran, uccise la moglie, condannato a morte ex sindaco di Teheran -2-

Coa

Roma, 30 lug. (askanews) - Il corpo della vittima - ricorda oggi l'Afp - è stato trovato nella vasca da bagno dell'abitazione, dopo che Mohammad Ali Najafi si è consegnato alla polizia lo stesso giorno ed ha ammesso di avere aperto il fuoco. "L'accusa comprende omicidio premeditato, aggressione e possesso illegale di un'arma da fuoco", ha affermato Esmaili, citato da Mizan Online, l'agenzia dell'autorità giudiziaria. "La corte ha stabilito che l'omicidio è stato premeditato e ha ordinato la pena di morte", ha aggiunto il portavoce.

Najafi è stato invece assolto dall'accusa di aggressione e percosse, ma è stato condannato a due anni di prigione per possesso illegale di un'arma da fuoco, secondo il portavoce. "La sentenza non è definitiva e può essere impugnata presso la Corte suprema", ha ricordato Esmaili. La famiglia della vittima aveva rivendicato l'applicazione della legge islamica "qesas" (la legge del taglione), che prevede la pena di morte in questo caso.(Segue)