Iran: Ue ha "venduto" intesa nucleare per evitare aumento dazi Usa

Fth

Roma, 16 gen. (askanews) - La Repubblica islamica iraniana ha accusato oggi gli europei di aver sacrificato "i resti" dell'accordo nucleare del 2015 per i loro interessi economici a seguito di un possibile ricatto del presidente degli Stati Uniti Donald Trump.

Parigi, Londra e Berlino "hanno venduto i resti (dell'accordo) per evitare ulteriori dazi di Trump", ha scritto su Twitter il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. Il capo della diplomazia di Teheran rilancia quanto scritto ieri dal Washington Post, secondo cui "Trump ha segretamente minacciato (le tre capitali) di imporre dazi del 25% sulle auto europee" in caso di mancata attivazione del meccanismo di risoluzione dispute (MRD) sull'accordo nucleare iraniano siglato da Teheran nel 2015 con le grandi potenze mondiali.(Segue)