Iraq, Amnesty: da ottobre almeno 264 vittime fra manifestanti -2-

red/Mgi

Roma, 11 nov. (askanews) - "Ancora una volta nelle città irachene è scorso il sangue a causa dell'impiego della forza eccessiva e letale da parte delle forze di sicurezza. In poco più di un mese sono stati uccisi almeno 264 manifestanti. Di fronte a questo massacro, qualsiasi promessa di riforme suona vuota", ha dichiarato Heba Morayef, direttrice di Amnesty International per il Medio Oriente e l'Africa del Nord.

Operatori sanitari che hanno assistito all'azione delle forze di sicurezza a Baghdad hanno riferito ad Amnesty International che quattro manifestanti sono stati uccisi dai proiettili e altri due sono morti dopo essere stati colpiti alla testa da candelotti lacrimogeni. (Segue)