Iraq, forze sicurezza sparano su manifestanti; 4 morti a Kerbala -5-

Bea

Roma, 4 nov. (askanews) - L'Iraq ha legami stretti ma complicati con il suo vicino Iran, contro cui ha combattuto una guerra mortale negli anni Ottanta, ma che ora ha un significativo dominio politico ed economico in Iraq.

Teheran ha cercato di contenere la portata delle proteste, con l'alto comandante Qassem Soleimani che - secondo alcune fonti - ha effettuato diverse visite per "consigliare" le autorità irachene sulle modalità di gestione dei raduni.

Anche il supremo leader iraniano, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha criticato le proteste in Iraq e in Libano, etichettandole come complotti da parte degli Stati Uniti e di altri Paesi.

Non scoraggiati dalle ultime violenze, i manifestanti hanno proseguito oggi con tattiche di disobbedienza civile che hanno sempre più adottato la scorsa settimana, compresi sit-in, blocchi stradali e scioperi.