Iraq, manifestanti assaltano ambasciata Usa a Baghdad

webinfo@adnkronos.com

Migliaia di manifestanti hanno assaltato l'ambasciata Usa a Baghdad, nella presidiatissima Zona Verde della capitale, dopo i raid statunitensi contro le milizie sciite filo-iraniane al confine tra Iraq e Siria. Testimoni hanno riferito che alcuni manifestanti, che sventolavano le bandiere della milizia Hashd Shaabi, sono saliti sul muro di cinta dell'ambasciata scandendo lo slogan, "Morte all'America". 

Un gruppo è riuscito a entrare anche nel compound della sede diplomatica. Secondo i media satellitari arabi, il personale e l'ambasciatore Matthew H. Tueller sono stati evacuati e le forze di sicurezza hanno sparato lacrimogeni nel tentativo di disperdere la folla. Almeno 10 manifestanti sono rimasti feriti negli scontri.  

Il ministro iracheno dell'Interno e di alcuni deputati si sono recati nei pressi del luogo degli incidenti, mentre dal premier iracheno, Adel Abdul-Mahdi, è arrivato l'invito a lasciare "immediatamente" i dintorni dell'ambasciata americana. Abdul-Mahdi ha anche proclamato tre giorni di lutto nazionale per i miliziani morti nei raid statunitensi. 

Le forze Usa domenica hanno riferito di aver condotto "attacchi difensivi di precisione" in Iraq e in Siria contro la milizia Kataib Hezbollah, accusata di avere condotto nei giorni scorsi una attacco nel quale è rimasto ucciso un cittadino statunitense. Secondo i miliziani sciiti, l'attacco Usa ha causato 25 morti e 50 feriti. "Non c'è assolutamente alcuna intenzione di assaltare o attaccare l'ambasciata americana a Baghdad, ma piuttosto di fare un sit-in fino alla chiusura dell'ambasciata e all'espulsione dell'ambasciatore", ha affermato il portavoce della milizia sciita Kataib Hezbollah, Jaafar al-Husseini, in una dichiarazione riportata dall'emittente irachena Alsumaria.  

TRUMP - "Ora l'Iran sta orchestrando" un attacco all'ambasciata Usa a Baghdad, ha scritto su Twitter il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. "L'Iran ha ucciso un contractor americano, ferendone molti. Noi abbiamo risposto con fermezza e sempre lo faremo. Ora l'Iran sta orchestrando un attacco all'ambasciata Usa in Iraq. Saranno ritenuti pienamente responsabili. Inoltre, ci aspettiamo che l'Iraq utilizzi le sue forze per proteggere l'Ambasciata, l'abbiamo fatto presente!", ha scritto Trump in un tweet.