Iraq, manifestanti attaccano ambasciata americana a Baghdad

Coa

Roma, 31 dic. (askanews) - Migliaia di manifestanti hanno attaccato oggi l'ambasciata americana a Baghdad, bruciando bandiere, abbattendo telecamere di sorveglianza e gridando "morte all'America", dopo i raid di precisione statunitensi contro un gruppo armato iracheno filo-iraniano.

Secondo quanto riferito dall'Afp, i partecipanti al corteo funebre dei 25 combattenti uccisi nelle incursioni aeree di domenica in Iraq sono riusciti a passare attraverso tutti i posti di blocco nella zona verde di massima sicurezza di Baghdad, dove si trova l'ambasciata americana, senza provocare incidenti.

Ma le forze di sicurezza irachene sono poi intervenute all'ingresso dell'ambasciata quando la protesta è diventata violenta.