Iraq, ministro Guerini da militari italiani dopo attentato

Red/Nav

Roma, 18 dic. (askanews) - "Arrivando in Iraq il pensiero subito va ai nostri 5 ragazzi che un mese fa sono rimasti coinvolti in un attentato. L'ho detto a loro incontrandoli e lo ribadisco a voi: non sentitevi mai né soli né lontani. L'Italia è con voi. Sempre". Così ha detto il ministro della difesa Lorenzo Guerini, accompagnato dal capo di stato maggiore della difesa generale Vecciarelli, portando i saluti e gli auguri di Natale ai militari in Iraq. Dal 16 al 18 dicembre - queste le date della tre giorni di visita ufficiale, si ricorda in un comunicato - il ministro Guerini è andato nelle basi di Camp Dublin a Bagdad - ed ha incontrato i militari della Task Force Police, della Task Force Air e della Task Force 44 - e di Camp Singara a Erbil.

Il ministro, nel rivolgere il suo saluto al contingente, ha elogiato il lavoro svolto da tutto il personale in un teatro delicato e difficile come quello iracheno, decisivo per gli equilibri sotto il profilo della sicurezza internazionale. "Una missione importante, quella in Iraq, alla quale l'Italia contribuisce con la competenza e la professionalità che ci è riconosciuta da tutti e della quale dobbiamo essere orgogliosi", ha continuato.

Durante la missione in Medio Oriente il ministro ha, inoltre, svolto una serie di incontri bilaterali con le autorità locali. A Bagdad ha incontrato il primo ministro Adel Abdl Mahdi e il suo omologo Najah Hasan Al Shammari; nella tappa di Erbil è stato ricevuto dal primo ministro del Kurdistan, Masrour Barzani e dal ministro Peshmerga Shoresh Ismail Abdulla. A tutti ha espresso l'amicizia dell'Italia, ma anche la preoccupazione per la difficile situazione in cui versa attualmente il Paese.

La visita ufficiale era iniziata lunedì in Kuwait dove il ministro Guerini aveva portato il saluto ai militari della Task Force Air e il ringraziamento per le migliaia di ore di volo a presidio dei cieli iracheni, per attività fondamentali di intelligence, sorveglianza e ricognizione del territorio.

L'attuale contributo nazionale in Iraq vede un attuale impiego di oltre 900 militari, 305 mezzi terrestri e 12 mezzi aerei. L'addestramento delle Forze di Sicurezza curde (Peshmerga) ed irachene si svolge principalmente nelle sedi di Erbil (Kurdistan) e Baghdad (Iraq), mentre in Kuwait la componente aerea garantisce l'impiego sinergico e coordinato degli assetti di volo Eurofighter, Predator e KC 767A.