Iraq, riprende protesta contro il governo, 8 manifestanti morti -4-

Bea

Roma, 25 ott. (askanews) - Ma il vero test sarà in serata, quando molti si aspettano che i sostenitori di Moqtada al-Sadr, un influente religioso che controlla il più grande partito in parlamento, scendano in piazza. I suoi seguaci hanno violato la Zona Verde negli anni scrsi. Questa settimana al-Sadr li ha invitati a protestare e ha persino annunciato l'"allerta" per i suoi miliziani. Oggi in alcune aree di Baghdad erano già in piazza, in una chiara dimostrazione di forza.

Il movimento non ha precedenti nella recente storia irachena sia per la sua spontaneità e indipendenza sia per la brutale violenza con cui si è scontrato il fiume di proteste dal 1 al 6 ottobre. Almeno 157 persone sono state uccise, secondo un'indagine del governo pubblicata martedì, che ha riconosciuto che è stata utilizzata la "forza eccessiva". La stragrande maggioranza erano manifestanti a Baghdad, il 70% ucciso da colpi d'arma da fuoco alla testa o al petto.