Iraq, Ronzulli (Fi): preoccupata per nostri soldati

Pol-Afe

Roma, 8 gen. (askanews) - "Questa mattina ci siamo svegliati con le immagini dei missili iraniani lanciati sulle basi militari occidentali in Iraq. Il mio pensiero va ai nostri militari di stanza in tutto il Medio Oriente, vittime oltre che di questo attacco anche del colpevole silenzio dell'Europa e dell'imbarazzante populismo del ministro degli Esteri italiano che, nel paventare non si capisce quale 'cambio di passo' dell'Ue, non perde occasione per fare propaganda, aggiungendo debolezza a debolezza". Così, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli.

"Di Maio - aggiunge - è privo di qualsiasi autorevolezza ed esperienza diplomatica, tanto da non essere minimamente considerato ai tavoli internazionali. La nuova escalation in una delle aree più calde del mondo dimostra piuttosto come avessero ragione Churchill prima e Silvio Berlusconi poi nell'immaginare la necessità di un esercito europeo, così da dare una voce unica all'Ue nella risoluzione di crisi come questa. Ci auguriamo che qualora la situazione dovesse ulteriormente aggravarsi il governo italiano sarà tempestivamente informato, così da trasferire i nostri soldati in località maggiormente sicure".