Iraq, si avvicina scadenza per nomina premier: proteste proseguono -2-

Fco

Roma, 22 dic. (askanews) - I manifestanti hanno bloccato le strade nelle province meridionali, compresa Bassora, ricca di petrolio, sostenendo che non accetteranno la nomina del ministro dell'Istruzione uscente, Qusay al-Suhail.

La rivolta irachena - senza leader - infuoca il Paese dal 1 ottobre, con almeno 400 persone uccise nelle violenze. Migliaia di manifestanti sono scesi in piazza a Baghdad e nel sud, a maggioranza sciita, per denunciare corruzione, servizi scadenti e mancanza di posti di lavoro, chiedendo al contempo la fine del sistema politico imposto dopo l'invasione sotto comando statunitensi nel 2003. (Segue)