Iraq, sostenitori di al Sadr passano la notte in Parlamento

Migliaia di seguaci del leader sciita Muqtada al Sadr hanno occupato il Parlamento iracheno per protestare contro la possibile nomina a primo ministro del candidato filoiraniano, Mohammed al-Sudani.

Molti di essi hanno trascorso la notte nell'edificio: per la seconda volta in una settimana, le forze di sicurezza irachene hanno utilizzato gas lacrimogeni nel vano tentativo di disperdere i manifestanti.

"È un momento molto difficile, sfortunatamente è l'amara verità - dice Mustafa al Kadhimi, primo ministro dell'Iraq - dobbiamo collaborare e stare insieme, non ci spingiamo nell'abisso.

Dobbiamo giudicare con le nostre menti, le nostre coscienze e i nostri sentimenti e attenerci all'Iraq e agli iracheni, non ad interessi meschini.

Chiedo a tutti di essere pazienti, calmi e razionali, non essere attratti dallo scontro: invito i cittadini a non scontrarsi con le forze di sicurezza e a rispettare le istituzioni statali".

Adil al-Khazali/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
AP Photo - Adil al-Khazali/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

I manifestanti hanno usato funi e catene per abbattere le barricate di cemento che portavano al cancello della Zona Verde, che ospita edifici governativi e ambasciate.

Secondo i dati forniti dal ministero della Salute, ci sarebbero almeno 125 feriti tra cui 25 agenti di Polizia.

Il presidente del Parlamento, Mohammed Halbousi, ha sospeso le sessioni future sino a nuovo avviso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli