Iraq, studenti e universitari in piazza nonostante minacce autorità

Coa

Roma, 28 ott. (askanews) - "Niente scuola fino alla caduta del regime": da Baghdad a Bassora, per le strade di Diwaniyah o di Nassiriya, migliaia di studenti e scolari si sono uniti oggi al movimento di protesta in Iraq. Nella capitale, la polizia in assetto antisommossa si è schierata vicino alle università per cercare di impedire, sul nascere, eventuali disordini.

Ieri l'esercito aveva minacciato "sanzioni severe" per coloro che avrebbero "impedito" il regolare svolgimento delle lezioni o delle attività negli edifici amministrativi.

Il ministro dell'Istruzione, Qoussai al-Souheil, ha chiesto di "tenere le università lontane" dalle proteste. Ma a Diwaniya, secondo quanto riferito dall'Afp, circa 200 chilometri a Sud di Baghdad, professori e studenti di tutte le università pubbliche e private hanno deciso di partecipare a un "sit-in di dieci giorni per far cadere il regime". (Segue)