Iraq, Turchia su uccisione suo diplomatico: presto per accusare PKK

Fth

Roma, 17 lug. (askanews) - Per Ankara è presto accusare il Partito dei Lavoratori del Kurdistan turco (PKK) per l'uccisione di un suo diplomatico avvenuto oggi in un attacco a Erbil, capitale della regione autonoma del Kurdistan iracheno. Lo ha detto il ministro degli Esteri turco in una dichiarazione riportata da media locali.

"La Turchia non può ora puntare il dito d'accusa contro il Pkk per l'attacco "prima di scoprire le circostanze dell'incidente", ha detto il capo della diplomazia di Ankara, Mevlut Cavusoglu in una dichiarazione riportata dall'agenzia statale Anadolu.

Secondo i media curdi, oggi all'ora di pranzo, un uomo armato di due pistole è entrato in un ristorante ad Erbil prima di cominciare a sparare verso diplomatici turchi seduti su un tavolo, uccidendo "il vice console turco e un civile iracheno".