Iraq, Usa pronti a tagliare 250 mln in aiuti se truppe... -2-

A24/Pca

New York, 15 gen. (askanews) - Il 5 gennaio, il Parlamento iracheno ha approvato una risoluzione non vincolante per mandare via le truppe statunitensi dal Paese. Trump, allora, ha minacciato di colpire l'Iraq con sanzioni e di presentare un conto da miliardi di dollari, se Baghdad costringerà gli Stati Uniti a ritirare le truppe.

Il 10 gennaio, poi, l'ufficio del primo ministro iracheno, Adel Abdul-Mahdi, ha reso noto che il premier ha chiesto al segretario di Stato americano, Mike Pompeo, di inviare una delegazione in Iraq con il compito di presentare un piano per il ritiro delle truppe statunitensi dall'Iraq. Poco dopo, il dipartimento di Stato americano ha smentito l'ipotesi del ritiro delle truppe dalle basi irachene e "ogni delegazione inviata in Iraq discuterà di come impegnarci al meglio per la nostra partnership strategica, non per discutere del ritiro delle truppe, ma della nostra giusta e appropriata posizione in Medio Oriente". (segue)