I nuovi Troubles di Belfast, tra sindrome da accerchiamento e tradimento di BoJo

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura
Scontri a Belfast (Photo: Charles McQuillan via Getty Images)
Scontri a Belfast (Photo: Charles McQuillan via Getty Images)

Sei notti consecutive di violenze a Belfast: lanci di molotov, autovetture e mezzi pubblici dati alle fiamme, scontri con la polizia in cui sono rimaste ferite decine di persone. Il governo dell’Irlanda del Nord assiste con crescente preoccupazione agli atti violenti che da giorni infiammano l’Ulster, e in particolare i quartieri unionisti di Sandy Row e Newtownabbey a Belfast, la cittadina di Carrickfergus, l’area di Tullyally a Derry. Le azioni sono attribuite a gruppi estremisti legati ad ambienti unionisti, tra cui figurano diversi giovani e giovanissimi: non hanno vissuto gli anni dei Troubles – i tre decenni di violenze settarie che hanno insanguinato il Paese fino agli accordi di pace del “Venerdì Santo” del 1998 – e forse proprio per questo non hanno paura di finirci di nuovo in mezzo.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

Per ora, i nuovi Troubles restano una minaccia che il governo di Belfast spera di riuscire a contenere isolando le frange più estreme degli unionisti, irritate da un insieme di circostanze che gli analisti indicano come carburante delle proteste. Innanzitutto, c’è la rivalità con il partito nazionalista Sinn Féin, il più forte tra i cattolici: lealisti e protestanti sono andati su tutte le furie la settimana scorsa per la decisione di non perseguire i 24 membri dirigenti dello Sinn Féin che il 30 giugno presero parte al funerale di Bobby Storey, storica figura dell’Irish Republican Army (Ira), in palese violazione delle misure anti-Covid. Al funerale parteciparono oltre duemila persone, contro i trenta ammessi dalle norme anti-contagio. Gli stessi vertici del Dup (il Partito democratico unionista) hanno condannato la decisione della polizia di non perseguire i nazionalisti, parlando di un doppio standard nell’applicazione della legge e chiedendo le dimissioni del capo della polizia.

Un’altra miccia dei disordini pare sia stato l’arresto, qualche...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.