Iscro, in arrivo il bonus per le partite Iva

·2 minuto per la lettura
iscro, il bonus per gli autonomi
iscro, il bonus per gli autonomi

Nuovo bonus in arrivo, si tratta dell’Iscro, destinato ad autonomi e lavoratori parasubordinati. Vediamo nel dettaglio cos’è, i requisiti per richiederlo e a quanto ammonta.

Iscro, il nuovo bonus Inps per gli autonomi

Iscro è il nuovo bonus previsto dalla Legge di Bilancio 2021, e sarà erogato una sola volta nell’arco del triennio 2021-2023. Questo nuovo bonus altro non è che una sorta di cassa integrazione per i lavoratori autonomi titolari di Partita Iva, e parasubordinati (collaboratori coordinati e continuativi con contratto co-co-co).

Quali sono i requisiti per ottenerlo

Non tutti i titolari di Partita Iva potranno fare richiesta per il nuovo bonus, i requisiti infatti restringono notevolmente la platea degli aspiranti beneficiari:

  • avere la Partita Iva attiva da almeno 4 anni alla data di presentazione della domanda;

  • essere iscritti alla Gestione Separata INPS (il fondo pensionistico finanziato con i contributi previdenziali obbligatori dei lavoratori assicurati). Sono esclusi, quindi, tutti coloro che sono iscritti alla Gestione Commercianti o a casse previdenziali private (come giornalisti, commercialisti, medici o avvocati);

  • essere in regola con la contribuzione previdenziale obbligatoria;

  • non essere titolari di trattamento pensionistico diretto, e nemmo assicurati presso altre forme previdenziali obbligatorie;

  • non essere percettori del Reddito di Cittadinanza;

  • avere subito nell’anno precedente alla presentazione della domanda un calo di reddito del 50% rispetto alla media di quello del triennio precedente (se si fa domanda per ottenere l’Iscro nel 2021, si dovrà prendere in considerazione il reddito del 2020 e confrontarlo con la media di quello triennio 2017-2019);

  • avere percepito nell’anno precedente alla presentazione della domanda un reddito non superiore a 8.145 euro (se si fa domanda nel 2021, si esaminerà il reddito del 2020).

A quanto ammonta la cifra di indennizzo

Il bonus sarà erogato una sola volta nel triennio 2021-2023 per 6 mesi, con un importo compreso tra i 250-800 euro mensili, sulla base del reddito che è stato dichiarato in fase do domanda. In ogni caso l’importo del bonus sarà pari al 25% di quanto percepito l’anno precedente, e spetta dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.

Quando scade la domanda

La domanda dovrà essere presentata entro il termine perentorio del 31 Ottobre di ogni anno, e sarà inoltrata sul sito dellINPS, soggetto erogante, corredata di autocertificazione riguardante gli anni per i quali si fa richiesta di indennizzo. Il bonus sarà erogato fino ad eusarimento delle coperture finanziarie messe a disposizione ogni anno, ad esempio per l’anno 2021 si tratta di 70.4 milioni di euro.