Isis, Trump conferma: "Al Baghdadi è morto"

Il leader dell’Isis Abu Bakr al Baghdadi è morto nel corso di un raid che gli Usa hanno lanciato nelle scorse ore nel nordovest della Siria. Secondo quanto riferito dal Pentagono ai media statunitensi il leader dell’Isis, una volta accerchiato dai militari, si è fatto esplodere nel compound dove si nascondeva.

Colto dal raid mentre era con alcuni familiari, al Baghdadi avrebbe avviato un conflitto a fuoco con i militari Usa per poi azionare il detonatore di un giubbotto esplosivo facendosi saltare in aria. A raccontarlo è Newsweek che, citando fonti del Pentagono, ha svelato che nell’esplosione sarebbero morte anche le mogli e 3 figli del leader dell’Isis.

Trump conferma la morte del leader dell’isis

Il presidente americano Donald Trump, in diretta tv dalla Diplomatic Reception della Casa Bianca, ha confermato che l’uomo morto nel corso del raid è proprio Abu Bakr al Baghdadi. “E' morto dopo essere fuggito in un vicolo cieco, piangendo e urlando" ha svelato il tycoon.

Trump ha poi aggiunto: “Al Baghdadi si è fatto saltare in aria e ha ucciso tre dei suoi figli che erano con lui”. Trump ha poi svelato che dai test condotti è arrivata la conferma che il corpo della vittima appartiene proprio al leader dell’Isis.

"Il leader dell'Isis Abu Bakr al Baghdadi è stato in fuga per anni ma sotto la mia direzione abbiamo distrutto il suo Califfato. Continueremo a perseguire i terroristi. I terroristi- ha proseguito Trump- non devono mai dormire tranquilli perché devono sapere che noi siamo qui per catturarli e ucciderli. Non possono sfuggire al loro destino né al giudizio finale di dio".

Il presidente degli Usa ha poi proseguito: “Era un uomo malato e depravato, violento ed è morto come un codardo, come un cane, correndo e piangendo. Questo raid è stato impeccabile ed è stato reso possibile grazie all'aiuto della Russia, Siria, Turchia e Iraq e anche dei curdi siriani”.

Donald Trump ha detto di aver "visto in diretta" il blitz contro Abu Bakr al Baghdadi nella Situation Room della Casa Bianca. "E' stato come guardare un film” ha aggiunto sottolineando che insieme a lui c’erano il vicepresidente Mike Pence e altri massimi responsabili della sua amministrazione.

GUARDA ANCHE - Isis, l’annuncio dei media Usa

Secondo quanto riportato, al Baghdadi sarebbe stato localizzato grazie all'apporto della Cia. Pochi minuti prima che si diffondesse la notizia del raid il presidente americano, Donald Trump, con un tweet aveva annunciato una dichiarazione per le nove del mattino ora di Washington, scrivendo "qualcosa di molto grande è appena accaduto!".

Social media e siti internet legati all’Isis non hanno ancora confermato per il momento la morte del leader, ma hanno esortato i seguaci di tutto il mondo a “continuare la jihad anche se la notizia fosse vera” definendo l’uomo come “martire della guerra santa”.

La caccia ad al Baghdadi durata da cinque anni. Ad aprile era ricomparso in un video per la prima volta dal luglio 2014, quando fu ripreso mentre parlava alla moschea di Mosul. Nel febbraio del 2018 diverse fonti Usa riportarono che il leader dell'Isis era rimasto ferito nel corso di un bombardamento aereo del maggio del 2017 e, a causa delle ferite, dovette lasciare la guida dell'Isis per almeno cinque mesi