Iskra Menarini racconta la sua nuova canzone dedicata a un amico speciale

·3 minuto per la lettura
Iskra Menarini nuovo singolo
Iskra Menarini nuovo singolo

Un omaggio prezioso all’amico di una vita, un collega con il quale ha condiviso moltissimi palchi di tutta Italia: il ricordo speciale di Iskra Menarini al poeta della musica italiana, Lucio Dalla, diventa una canzone. Nell’intervista esclusiva Iskra Menarini racconta il suo nuovo singolo, “L’uomo infinito”, e l’amicizia con il famoso cantautore bolognese.

Iskra Menarini, il nuovo singolo è “L’uomo infinito”

“L’uomo infinito”, il nuovo singolo di Iskra Menarini, è dedicato al grande Lucio Dalla, con il quale ha condiviso il palco per oltre 26 anni. Scritto insieme a Manuel Auteri, Marcello Balestra e Renato Droghetti, è un brano dalle sonorità pop con cui la cantautrice modenese traccia un ritratto di Lucio Dalla, sulla base dei ricordi accumulati nel corso degli anni in cui lo ha affiancato in qualità di vocalist. Il brano è impreziosito dalla partecipazione di Gergo Morales e del coro “Giuseppe Verdi” diretto da Marco Tartaglia.

A proposito della nuova canzone che ha composto, Iskra ha dichiarato:Lucio ha fatto talmente tante cose per me, che non era giusto mi fermassi senza portare avanti la sua musica e la mia”.

Il videoclip, per la regia di Stefano Mazzoni, è stato girato a Bologna, nei luoghi più cari vissuti da Dalla. Partendo dalla sua casa in via D’Azeglio, Iskra visita diversi luoghi storici e culturali della città. Il video, inoltre, è arricchito dalle illustrazioni di Nicolas Belli, dai contributi artistici di Attilio Fontana e del corpo di ballo della Somnium Ballet Accademy di Bologna.

Iskra Menarini, il nuovo singolo: “Lucio è nei miei sogni e nel mio cuore”

“Lucio Dalla per me è sempre stato parte della famiglia. Mi ha fatto cantare in tutto il mondo: io non ero una vip, ero solo una ragazza, ma mi ha fatto combattere la timidezza e vivere come una vip, partecipando a tour nazionale e internazionali. Ho voluto trasformare in una canzone il legame forte che mi univa a Lucio. Dopo la sua scomparsa, ho cominciato a chiacchierare con lui. A immaginarmelo al mio fianco e domandargli dove fosse davvero. Una notte l’ho sognato. Nel sogno sentivo una voce dirmi: “Ti ho lasciato una bicicletta, tu devi metterci i pedali”. Mi sono svegliata e ho avuto la netta sensazione che fosse Lucio, una persona a cui ho sempre voluto un gran bene. Lui è nel mio cuore e nel mio corpo“, racconta Iskra Menarini a proposito del suo nuovo singolo e del legame con Dalla. Quindi ha confidato: “Mi ha sempre dato saggi consigli. In particolare, il suo invito era a essere sempre me stessa, anche come artista”.

A identificare Lucio Dalla, per Iskra Menarini, èla sua simpatia, la sua bontà e la sua dolcezza. Era un poeta e un artista visionario. Si fermava per strada e chiacchierava con la gente, strappava un sorriso alle persone. Sono tanti i ricordi che mi legano a lui e alla musica italiana ha lasciato una grande eredità. Lui era un esempio di generosità. Amava il prossimo in maniera profonda e intima”, ha aggiunto con emozione e con quella voce che si illumina quando parla di un amico speciale.

Sul suo nuovo singolo, che è un importante traguardo soprattutto in un periodo incerto, ha aggiunto: “Ho voluto realizzare una canzone dedicata a Lucio Dalla non per presunzione. Dopo tanti anni di amicizia e condivisione, mi sembrava il minimo regalargli un omaggio. Mi chiamava alle 3 di notte, guardavamo insieme le rondini sulla chiesa affacciati alla finestra di casa sua e tanto altro. La mia canzone e il videoclip sono umili e pieni di verità”.

Iskra Menarini, il nuovo singolo e la sua carriera

Nata nella provincia di Modena, Iskra Menarini ha origini francesi. Ha studiato chitarra classica, danza e recitazione. A ventidue anni si è trasferita a Bologna per studiare canto lirico al conservatorio, dove ha incontrato il cantautore Andrea Mingardi, iniziando così la sua carriera. L’incontro che ha inciso particolarmente sul suo modo di cantare e di ascoltare musica è stato quello nel 1971 con i Tombstone, noto gruppo bolognese a cui è rimasta legata per dieci anni. Conosce anche Red Ronnie, con il quale debutta al Piper di Roma nel 1968. Ha partecipato all’incisione dell’album di debutto di Vasco Rossi, “Ma cosa vuoi che sia una canzone”.

Poi l’incontro che le ha cambiato la vita: era il 28 aprile del 1984 quando conobbe Lucio Dalla. Nel 2009 ha esordito a Sanremo con il brano “Quasi amore”, scritto da Roberto Costa e Lucio Dalla, che l’ha accompagna sul palco. Un anno dopo, nel 2010, ha collaborato a “Work in Progress”, l’album dal vivo di Lucio Dalla e Francesco De Gregori.

Per un periodo è stata insegnante di “Amici” di Maria De Filippi, ruolo a cui ha poi rinunciato per rimanere al fianco di Lucio Dalla nella tournée. Oltre che con Lucio Dalla, nel corso della sua carriera ha collaborato con Gianni Morandi, gli Stadio, Luca Carboni, Samuele Bersani, Vasco Rossi, Zucchero, Biagio Antonacci, Luca Carboni, Andrea Mingardi, Ron, Patty Pravo, Roberto Costa e Pasquale Panella e con i Maestri Renato Serio, Teo Ciavarella, Peppe Vessicchio e Beppe D’Onghia.