Islanda, maggioranza di donne in Parlamento. Un record in Europa

·2 minuto per la lettura

Ripresa economica post pandemia e ambiente. Con questi temi cruciali in agenda, il governo di coalizione di sinistra-destra ha ottenuto la maggioranza nelle elezioni generali in Islanda.

Il movimento di sinistra-verde guidato dal Primo ministro uscente Katrin Jakobsdottir ha tuttavia perso terreno a favore dei partiti di destra. Una nuova sfida per la coalizione dei tre partiti che era riuscita a ridare all’Islanda quattro anni di stabilità, dopo un decennio di crisi.

Il Partito dell'Indipendenza di centrodestra ha incassato la maggior parte dei voti e il Partito progressista centrista è cresciuto rispetto alle precedenti elezioni. Le due formazioni fanno parte del governo di coalizione insieme al Partito dei Verdi di sinistra guidato dalla premier Katrin Jakobsdottir.

Un Parlamento in rosa

“Ci sono molte cose a cui pensare prima di formare un nuovo governo. La questione principale adesso è cosa faremo dopo il Covid - ha sottolineato sempre la leader ambientalista Jakobsdottir. Abbiamo sfide enormi per ricostruire l'economia, farlo in un modo più verde e sostenibile, creare nuovi e diversi posti di lavoro, garantire che la nuova economia sia veramente diversa e verde".

Il Parlamento sarà composto per la maggioranza da donne. Sui 63 seggi dell'assemblea nazionale, 33 saranno occupati da donne, ovvero il 52,3%. Una novità assoluta. Secondo i dati della Banca Mondiale, nessun altro paese in Europa ha mai prima superato o raggiunto il 50% della presenza femminile in parlamento. Fino ad ora il primato in questo ambito è spettato alla Svezia con il 47% di donne parlamentari.

"La questione principale adesso è cosa faremo dopo il Covid perché abbiamo sfide enormi per ricostruire l'economia e farlo in un modo più verde e sostenibile."

Katrin Jakobsdottir
Leader ambientalista

Un mandato che ha ridato stabilità al Paese

In questi anni la Jakobsdottir ha reso le tasse sul reddito più progressive, ha aumentato il budget per l'edilizia popolare e ha esteso il congedo parentale. E la sua gestione del Covid – con solo 33 morti – ha ricevuto una ampio consenso.

Allo stesso tempo, il primo partito ecologista al governo in Islanda ha dovuto rinunciare, anche per salvare la sua coalizione, alla promessa di creare un parco nazionale nel centro di un Paese, che ha 32 sistemi vulcanici attivi e 400 ghiacciai.

In Islanda, dopo la crisi finanziaria del 2008 che ha provocato il tracollo del Paese, e relativi scandali che hanno coinvolto i suoi leader, si sono svolte ben 5 elezioni in 10 anni. Il governo uscente è stato il primo a completare la legislatura.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli