Islanda, sfuma Parlamento a maggioranza donne dopo il riconteggio

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 set. (askanews) - Per qualche ora l'Islanda ha vantato il primato di avere il Parlamento più "rosa" d'Europa, con il 52% di deputati donna. Dopo il riconteggio, però, il dato è sceso sotto la metà dei 63 deputati: le donne elette al Parlamento islandese sono 30, il 47,6%.

Nessun Paese europeo aveva mai superato il 50% di eletti di sesso femminile e il record spettava, fino a oggi, alla Svezia con il 47%. In Islanda non ci sono quote rosa per le liste elettorali ma alcuni partiti richiedono un numero minimo di candidate.

Il Paese è noto per le sue norme sull'uguaglianza di genere: ci sono identici periodi di assenza per paternità e maternità, la legge sull'uguaglianza salariale risale al 1961 ed è stato il primo Paese al mondo ad eleggere un presidente donna nel 1980.

Attualmente soltanto cinque Paesi nel mondo hanno un Parlamento a maggioranza femminile: il Ruanda ha il 61,3% delle deputate, segue Cuba con il 53,4%, poi il Nicaragua 50,6%, il Messico e gli Emirati arabi uniti con il 50%.

Nelle elezioni di domenica in Islanda la coalizione destra-sinistra ha confermato la sua maggioranza, ma i Verdi della premier Katrin Jakobsdottir hanno perso un seggio. Mentre il centrodestra del Partito del progresso ne ha guadagnati cinque. Insieme ai seggi vinti dai conservatori del Partito dell'Indipendenza, la coalizione conta 37 deputati.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli