Isola Tiberina per l'ottobre rosa contro il tumore al seno -3-

red

Roma, 24 ott. (askanews) - Se la prevenzione primaria impedisce lo sviluppo della malattia, la prevenzione secondaria ha invece come obiettivo quello di intercettare la malattia quando è ancora agli esordi e può essere curata e guarita.

"La prevenzione primaria - continua Patrizia Frittelli -, basata su uno stile di vita sano, può ridurre i rischi di neoplasia mammaria anche in donne ad alto rischio Numerosi studi confermano che adottando stili di vita giusti ed equilibrati, il 40% di tutti i tumori è evitabile.". "Il test più importante per la prevenzione secondaria è la mammografia, accompagnata da ecografia, che si effettua a partire dai quarant'anni - aggiunge Antoinette Moscone, Radiologa dell'Ospedale -. Lo screening mammografico, come dimostra la letteratura scientifica, è tra gli strumenti più potenti per intercettare la malattia nel suo nascere. Per questo l'Ospedale, in adesione all'Ottobre Rosa, ha messo a disposizione mammografie gratuite per donne tra i 45 e i 49 anni, nella fascia di età che non rientra nello screening regionale". Con la sua Breast Unit, il Fatebenefratelli-Isola Tiberina offre alle donne di Roma e del Lazio un importante servizio di cura e di prevenzione della neoplasia mammaria; attraverso la sinergia di tutti gli specialisti coinvolti nel lavoro di diagnosi, cura e riabilitazione le pazienti vengono accompagnate in un percorso integrato, programmato e condiviso da tutte le figure mediche coinvolte, e possono accedere a terapie personalizzate conformi a linee guide costantemente aggiornate.