Israele, ex premier Barak si scusa per arabi uccisi nel 2000 -2-

Ihr

Roma, 23 lug. (askanews) - All'inizio di questo mese Frej, del partito di sinistra Meretz, ha escluso qualsiasi alleanza con il partito di Ehud Barak, "Israele democratico", in vista delle elezioni generali di settembre a causa di questi morti. "Le dichiarazioni di Esawi Frej emanano profondo dolore", ha detto Ehud Barak alla radio pubblica israeliana. "Queste sono cose importanti e dolorose. Mi assumo la responsabilità di tutto ciò che è andato bene o male durante il mio mandato come primo ministro, compresi gli eventi dell'ottobre 2000 in cui furono uccisi 12 arabi israeliani e un palestinese di Gaza", ha detto.

"Esprimo ancora una volta i miei rimorsi e le mie scuse alle famiglie" delle vittime, ha aggiunto. Gli arabo-israeliani sono i discendenti dei palestinesi che rimasero nelle loro terre quando Israele fu creato nel 1948. Rappresentano il 17,5% - o poco più di 1,3 milioni di persone - dei nove milioni di israeliani.