Israele, il premier Netanyahu: "L'operazione a Gaza richiederà ancora tempo"

·Giornalista, HuffPost Italia
·2 minuto per la lettura
(Photo: JACK GUEZ via Getty Images)
(Photo: JACK GUEZ via Getty Images)

Notte di sangue a Gaza e di razzi in Israele. Il conflitto si avvita sempre di più in uno dei suoi passaggi più duri, mentre appare per ora lontana la tregua invocata da più parti, Onu in testa. “L’operazione a Gaza richiederà ancora tempo”, ha annunciato il premier Benyamin Netanyahu al termine della riunione del Gabinetto di sicurezza del governo quando al Palazzo di Vetro a New York si aprivano i lavori del Consiglio di Sicurezza dell’Onu sul conflitto nella Striscia. Il premier ha subito sottolineato in un messaggio diretto che Israele ha dalla sua “il sostegno degli Usa” di Joe Biden e l’operazione ‘Guardiano delle Mura’ “continuerà quanto necessario per riportare la calma”.

E la situazione sul campo lo conferma: dall’inizio del conflitto le vittime a Gaza sono arrivate a 192 e di queste 58 sono bambini e 34 donne, 1.235 i feriti. Nella nottata - dopo la forte ondata di razzi dalla Striscia su Tel Aviv e il centro del paese - in un attacco dell’aviazione israeliana (circa 90 gli obiettivi colpiti) in una via centrale di Gaza City sono rimaste uccise 33 persone, di cui 12 donne e 8 bambini con l’intera famiglia al-Athab distrutta. E le vittime potrebbero essere maggiori visto che si scava ancora tra le macerie. Nella Striscia è sempre più “emergenza umanitaria”, visto che mancano l’acqua, l’elettricità e la benzina per i generatori e le fila dei profughi si ingrossano.

L’esercito israeliano ha più volte ribadito che “Hamas deliberatamente pone obiettivi militari in mezzo alla popolazione civile, esponendola ai pericoli”. Israele punta direttamente anche ai capi dell’organizzazione: è stata centrata, ad esempio, la casa del capo politico di Hamas Yahia Sinwar, ma anche quella del fratello Muhammad capo del dipartimento logistico. Poi tra le case colpite ci sono que...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli