Israele: Likud vuole affondare governo anti-Netanyahu, nel mirino 4 deputati

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Tel Aviv, 4 giu. (Adnkronos) – Convincere almeno uno di quattro deputati considerati in bilico per affondare la coalizione Bennett-Lapid ed il loro governo anti-Netanyahu. E' l'obiettivo – riporta stamane la tv 'Kan' – del partito Likud, mentre La futura coalizione, che sulla carta può contare su una maggioranza di 61 deputati su 120, spera di presentarsi in Parlamento già lunedì per il voto di fiducia.

Gli sforzi del partito di Netanyahu si sono concentrati su Ayelet Shaked e Nir Orbach, due deputati di destra del partito Yamina di Naftali Bennett. Manifestanti si sono riuniti nei pressi delle loro abitazioni per convincerli a non votare la fiducia e ci sono stati appelli anche di noti rabbini. In un incontro tra il primo ministro ed i dirigenti del Likud si è deciso di focalizzare gli sforzi anche su altri due parlamentari di Nuova Speranza, Ze'ev Elkin e Sharren Haskel.

Composto da otto partiti di centro, destra e sinistra, il nuovo governo ha una maggioranza ristretta e Netanyahu spera di riuscire a convincere almeno un deputato dei partiti di destra a ritirare il suo appoggio. Inizialmente si era parlato del 14 giugno come data per la fiducia, ma ora si cerca di anticipare i tempi per evitare defezioni. Per farlo la nuova coalizione sta cercando una intesa per rimuovere lo speaker della Knesset, Yariv Levin, che è del Likud.