issione Nato in Iraq, intervista al generale Iannucci

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 6 set. (askanews) - Il comandante della missione NATO in Iraq, il generale Giovanni M. Iannucci, ha dichiarato in un'intervista all'Agenzia di stampa irachena (INA), "La Missione NATO in Iraq (NMI) è una missione non di combattimento, di consulenza e di rafforzamento delle capacità, lanciata a il vertice della NATO nel 2018, su richiesta e invito del governo iracheno.NMI assiste l'Iraq nella costruzione di istituzioni e forze di sicurezza più sostenibili, trasparenti, inclusive ed efficaci, in modo che essi stessi siano in grado di stabilizzare il proprio paese, combattere il terrorismo e impedire il ritorno di Daesh.

Per raggiungere questo obiettivo, la NATO fornisce consulenza ai funzionari della difesa e della sicurezza iracheni principalmente presso il Ministero della Difesa, l'Ufficio del Consigliere per la sicurezza nazionale e il Centro operativo nazionale del Primo Ministro. La missione sostiene anche le istituzioni educative militari irachene. Le aree di supporto includono politiche e strategie, generazione e sviluppo di forze, sviluppo della leadership e buon governo nel settore della sicurezza. Forniamo inoltre consulenza su logistica, difesa informatica e formazione dei Sottufficiali. Uno dei primi e più importanti risultati raggiunti da NMI in collaborazione con i colleghi iracheni è stato l'accordo e la codificazione di 14 obiettivi primari per la cooperazione NMI-irachena. I 14 obiettivi forniscono un quadro di riferimento comune e obiettivi da raggiungere attraverso il duro lavoro iracheno e la consulenza della NATO. Ciò consente alla NATO di allineare le proprie competenze alle aree identificate dagli iracheni che necessitano di miglioramento, che includevano settori specifici come l'istruzione, la logistica, la cibernetica, la formazione sistematica e lo sviluppo di sottufficiali, oltre a far avanzare importanti concetti istituzionali come responsabilità e interoperabilità.

Aumentare le dimensioni della missione in Iraq da 500 persone a 4.000

Il generale Iannucci ha affermato che "la decisione di espandere gradualmente la missione nel tempo e a seconda delle circostanze è stata presa nel febbraio 2021 dai ministri della Difesa della NATO, su richiesta del governo iracheno. La decisione era volta a rafforzare le forze armate irachene nella sua lotta contro un Daesh in ripresa. La nostra presenza è basata sulle condizioni e qualsiasi aumento del numero delle truppe sarà incrementale, sulla base dei requisiti e del consenso delle autorità irachene. La nostra missione continua ad essere svolta nel pieno rispetto della sovranità irachena e in piena consultazione con il Governo iracheno Attualmente sono assegnate alle nostre missioni diverse centinaia di membri del personale di 30 membri della NATO e di tre nazioni partner (Australia, Finlandia e Svezia. Le dimensioni della forza rimangono sostanzialmente simili a quelle di qualche anno fa, anche a causa della Pandemia di covid.

Combattere Daesh

Il comandante dell'NMI ha sottolineato che "le forze di sicurezza irachene hanno mostrato grande coraggio e migliorato l'abilità tattica nel difendere l'Iraq da Daesh, ma i resti di questo gruppo terroristico rimangono e lo sforzo per sostenere la lotta per sradicare quei resti continuerà a essere una sfida. La NATO continua inoltre ad assistere le forze irachene nel sostenere e migliorare la loro capacità di proteggere l'Iraq a lungo termine. Il governo iracheno ha richiesto l'assistenza della NATO per miglioramenti sostenibili nei processi e nelle istituzioni. L'Iraq ha fatto grandi progressi nella lotta contro Daesh e NMI collabora con i nostri partner iracheni per garantire che i loro processi e sistemi siano sostenibili".

Compiti non militari della NATO in Iraq

Il comandante dell'NMI ha affermato che "la cooperazione tra le forze armate irachene e la missione della NATO in Iraq si concentra su una serie di obiettivi, identificati congiuntamente dalla NATO e dall'Iraq, ed è progettata per migliorare le istituzioni ei processi iracheni. La nostra collaborazione consiste nell'offrire consulenza ai dirigenti senior, condividere le migliori pratiche e competenze, supportare il budgeting e la programmazione, contrastare la corruzione e consentire la modernizzazione dell'organizzazione. Sosteniamo inoltre l'aumento del ruolo delle donne all'interno delle forze irachene. NMI fornisce consulenza a livello istituzionale, compreso il Ministero della Difesa e l'Alta Formazione Militare Canters e Accademie. La riforma delle istituzioni può richiedere più tempo rispetto all'addestramento dei singoli soldati, ma i risultati raggiunti hanno un reale impatto a lungo termine".

Ruolo della NATO nella lotta (IED), (EOD) e nella rimozione delle mine

Ha continuato: "I civili iracheni devono ancora affrontare i pericoli delle mine antiuomo e degli IED derivanti da conflitti vecchi e nuovi. I consulenti NMI non sono impegnati nello sgombero delle mine o degli IED, ma NMI avrà un ruolo importante consigliando la scuola irachena Counter-IED sull'addestramento, lo snellimento l'organizzazione, così come la programmazione e il budget. Il nostro obiettivo è rafforzare la capacità degli iracheni di eliminare il flagello delle mine e degli IED stessi".

Piano Nato per il 2022

Iannucci ha dichiarato: "La NATO sviluppa piani con largo anticipo. Sono guidati dalla domanda e adattati alle esigenze irachene. Tutto ciò che facciamo è pianificato al fine di fornire finanziamenti adeguati e personale qualificato. Quest'anno abbiamo un ambizioso piano di attività per le istituzioni educative del settore militare e della sicurezza nell'area della Grande Baghdad. I nostri piani sono sviluppati in pieno coordinamento con le istituzioni irachene per soddisfare i loro bisogni e le loro esigenze".

Il supporto fornito dalla missione NATO in Iraq nel campo della consulenza e della formazione

Il comandante dell'NMI ha dichiarato: "Riteniamo che la nostra consulenza all'Iraq sui suoi sforzi per creare forze armate irachene più capaci, sostenibili ed efficaci, si tradurrà in un Iraq più sicuro e stabile. Fornendo consulenza e competenza al Ministero della Difesa e alle istituzioni educative militari , stiamo contribuendo alle forze armate e alle istituzioni di sicurezza irachene per costruire strutture di sicurezza sostenibili, più efficaci, trasparenti e inclusive, che consentiranno loro di affrontare le sfide della sicurezza attuali e future e contribuiranno a una situazione di sicurezza più stabile in Iraq e nella regione".

Progetti Nato

Il comandante dell'NMI ha dichiarato: "I consigli offerti all'esercito iracheno sono volti ad aumentare l'efficacia delle forze armate. Ancora più importante, il ministero della Difesa iracheno ha concordato con l'NMI i 14 obiettivi a lungo termine per creare Armed Forces, che promuove un Iraq più sicuro e protetto. In altre parole, il MOD iracheno e l'NMI concordano sul fatto che gli sforzi dell'NMI sono progettati per migliorare le capacità delle forze armate irachene, perché abbiamo concordato le aree di interesse per consulenza e consulenza ."

Campo di Al-Hol

Il comandante dell'NMI ha dichiarato: "NMI non ha un mandato per operare in Siria, ma chiaramente la situazione umanitaria e di sicurezza in Siria è molto impegnativa. Ecco perché lodo i grandi sforzi del governo iracheno nel rimpatriare centinaia di famiglie dalla Siria. Diversi I paesi della NATO sono anche impegnati nel rimpatrio, nel perseguimento e/o nella riabilitazione di individui e delle loro famiglie che si trovano in tali campi.Questo non è un compito facile a causa delle sfide umanitarie e di sicurezza".