Istat, Ronzulli (Fi): governo prenda atto di fallimento

Pol/Bac

Roma, 10 feb. (askanews) - "I dati Istat sono raccapriccianti: in Italia 1 milione e 300 mila bambini vivono in stato di povertà, nonostante il decreto con cui Di Maio l'aveva abolita, mentre la produzione industriale crolla, il che di certo non aiuta a creare posti di lavoro. Al contempo, il reddito di cittadinanza si conferma una misura dannosa che non fa altro che lasciare parcheggiati a casa quanti lo percepiscono, perché non crea occupazione, si dimostra iniqua, in quanto agevola single e nuclei familiari ridotti e, inoltre, penalizza le famiglie più numerose e con minori o disabili a carico. Queste ultime infatti, in termini percentuali, percepiscono un sussidio decisamente inferiore rispetto a quello di cui beneficiano i nuclei con solo uno o due componenti. E' il fallimento delle politiche assistenzialiste e stataliste che hanno portato alla recessione e che stanno mettendo in ginocchio il Paese. Il governo ne prenda atto e ne tragga le dovute conseguenze, non si può andare avanti così". Lo afferma, in una nota, la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli.