Istat stima crescita Pil dello 0,2% per il 2019: in rialzo nel 2020

Istat stima pil 2019

La stima fatta dall’Istat per la crescita del Pil nel 2019 è pari allo 0,2%, in rallentamento rispetto a quella del 2018 che ammontava a 0,8%. Nel 2020 invece si dovrebbe avere un’accelerazione con il prodotto interno lordo che potrebbe crescere dello 0,6% grazie a consumi e investimenti.

Stima Istat Pil 2019

Il dato deriva sommando l’apporto della domanda estera netta, pari a 0,2%, la domanda interna rispetto al netto delle scorte, che fornirebbe un contributo pari a 0,8% e la variazione delle scorte. Quest’ultimo fattore darebbe un impulso fortemente negativo che vale -0,8%, motivo per cui la stima finale di crescita ammonterebbe a 0,2%.

Per quanto riguarda gli investimenti lordi, questi mostrano un profilo in rallentamento. Nel 2019 la crescita da loro derivata si fermerà al 2,2%, con un notevole distacco dal 3,2% registrato l’anno precedente. Peggiore il dato stimato per il 2020, che dovrebbe ammontare a 1,7%. Una decrescita dovuta secondo l’istituto alla crescita contenuta della componente in macchinari che riguarda tutto i globo.

In miglioramento invece il tasso relativo alla disoccupazione, che dal 10,6% del 2018 scenderebbe al 10% per poi toccare il 9,9% nel 2020. Si prevede dunque il proseguimento della dinamica positiva del mercato del lavoro.

Infine viene sottolineato come nel 2019 i consumi delle famiglie sarebbero aumentati in termini reali ma con un rallentamento rispetto all’anno precedente, a cui si accompagnerebbe una tendenza al risparmio. Nel 2020 la crescita della spesa si prevede che sarà della stessa intensità, pari al 0,6%.

L’attuale scenario, spiega l’Istat, è caratterizzato da alcuni rischi al ribasso rappresentati da possibili evoluzioni negative dei conflitti tariffari e delle turbolenze geopolitiche. Queste potrebbero infatti portare riflessi sfavorevoli sul commercio internazionale e sul livello di incertezza degli operatori.