Istat: tassi iscrizione al nido crescono ma servono risorse

Red/Gtu

Roma, 10 giu. (askanews) - "i dati delle pi recenti indagini campionarie evidenziano un andamento temporale positivo, con tassi di iscrizione al nido crescenti ma ancora al di sotto del 30% nel 2019", lo rileva il Rapporto sui servizi educativi per l'infanzia in Italia, presentato oggi dall'Istat.

"Ulteriori miglioramenti - annota l'Istituto nazionale di statistica - sono condizionati alle risorse aggiuntive che ancora dovranno essere dedicate a questo settore".

Dal punto di vista normativo, ricorda l'Istat, Regioni e Province autonome sono da tempo impegnate in un articolato percorso di attuazione della riforma che ha introdotto il "sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni" (Legge n.107/2015, Decreto legislativo n. 65/2017 e successivo Piano di azione nazionale pluriennale). In particolare, per la progressiva implementazione del Sistema "ZEROSEI", con le risorse statali e il cofinanziamento regionale sono stati realizzati e sono tuttora in corso interventi diversificati che riguardano gli indirizzi di programmazione, il sostegno alle spese di gestione dei servizi, la formazione del personale, la promozione dei coordinamenti pedagogici territoriali, l'avvio delle procedure per costruire i Poli per l'infanzia. (Segue)